I LAVORATORI CON SUDORE AL TRAGUARDO

Questa mattina e’ stato siglato tra le parti il nuovo contratto provinciale del settore lapideo. Dopo il mancato rinnovo del contratto scaduto il 30 giugno 2017 e la successiva, incomprensibile, disdetta comunicata alcuni mesi fa dalla sezione Lapidei di confindustria Foggia, si e’ giunti ad una definizione grazie alla protesta dei lavoratori del settore che hanno attuato degli scioperi per essere ascoltati.
Rivendichiamo con orgoglio il nostro impegno come partito democratico per esserci schierati apertamente dalla parte dei piu’ deboli invece di preferire l’atteggiamento pilatesco di fare da spettatore, di chi per convenienza politica, ora strumentalizza l’obiettivo raggiunto.
Il prezzo della crisi purtroppo ricade sempre sulla anello debole della società(i lavoratori), senza scioperi e blocco degli straordinari il contratto non si sarebbe firmato. L’amministrazione che sembra appuntarsi medaglie al petto, dimentica che uno dei padri nobili di quella proposta scandalosa di contratto è stato il suo assessore dell’ Erba, oggi candidato alle regionali. Ora cio’ che conta è che si è giunti alla sigla del contratto, anche se a zero euro, si e’ almeno salvato la quattordicesima. Ma tanto sara’ sempre difficile per alcuni comprendere le difficolta’ quotidiane come garantire il prosieguo degli studi ad i propri figli o pagare mutui esosi che tolgono gran parte del salario. Noi abbiamo scelto una parte, non solo per ideologia ma perche’ crediamo, se e’ vero che le cave sono una ricchezza per il nostro territorio, che ciascuno debba accedere alla propria parte.
PD Partito Democratico Apricena

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: