Mancavano solo i monopattini

“Ci mancavano solo i monopattini elettrici a sfrecciare a terrorizzare i pedoni”.

“Ci mancavano solo i monopattini elettrici a sfrecciare sui marciapiedi a terrorizzare ulteriormente i pedoni”. Così alcuni anziani seduti in piazza Castello commentano il via vai di giovani su due ruote, e aggiungono: “ Non bastavano le biciclette, da settimane anche giovani e adulti su monopattini sfrecciano sui marciapiedi facendo slalom pericolosi tra la gente”. Non sono solo i ragazzini, anche molti adulti sempre più spesso si comportano come se per loro non ci fossero regole e tanti si muovono per le vie del centro cittadino ignorando le norme del codice della strada. Da via Tiberio Solis, corso Gramsci, via Teresa Masselli, corso Garibaldi e viale Matteotti sono molti i cittadini, sia pedoni che automobilisti, che puntano il dito contro la cattiva abitudine di tanti adolescenti e adulti sia a bordo di bici che su monopattini di imboccare le arterie comunali in senso opposto a quello di marcia. Oppure di muoversi sui marciapiedi facendo slalom tra i pedoni. Si tratta di situazioni che in città creano disagio tra i pedoni e tra gli automobilisti oltre a mettere a rischio gli stessi autori delle bravate. Pertanto molti sanseveresi auspicano l’attivazione in tempi rapidi di attività di sensibilizzazione e di educazione stradale per i ragazzi che pur da apprezzare per la scelta di mobilità sostenibile, devono comprendere che i loro comportamenti devono essere più rispettosi delle regole. Così che i numerosi ciclisti indisciplinati, che tanto disagio creano anche ai pedoni, tornino a spostarsi in città nel rispetto delle norme in vigore.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: